Russia-Italia 12-10 dtr (8-8)

 

VOLGOGRAD – Si gioca nella “Città del Volga”, dove proprio oggi si festeggiano i 70 anni dalla guerra vittoriosa contro la Germania nazista. Per la Russia è la festa della memoria e nella piscina Spartak è la festa della pallanuoto: ci sono i campioni del mondo e vicecampioni olimpici. Nel quarto turno del preliminare di World League (girone C) la Russia supera l’Italia 12-10 dopo i tiri di rigore. La partita si è conlcusa 8-8. Un anno fa a Kirishi il Settebello vinse10-4 con la Russia guadagnando la superfinal con un turno di anticipo.
Il commento del CT Alessandro Campagna. “Mi aspettavo il miglioramento della Russia, che c’è stato. E’ molto forte natatoriamente e fisicamente. Ha un ottimo portiere e due buoni centroboa. Noi non abbiamo avuto qualità nel gioco di atacco e fino a quando ha retto la condizione abbiamo giocato una buona difesa, poi si è sfilacciata anche quella. Guardo sempre il lato positivo delle cose: queste ultime due partite con Romania e Russia, e le prossime due con Ungheria e Romania sicuramente lo confermeranno, mi hanno dato ottime indicazioni su quella che dovrà essere la preparazione ai Mondiali. Comunque, quando si è all’inizio di un ciclo questo è lo scotto da pagare”.

Russia-Italia 12-10 dtr (8-8)

Russia. Victor Ivanovic, Nikolai Lazarev 1, Artem Odintsov, Ryzhov-Alenichev 1, Albert Zinnatullin, Artem Ashaev, Vladislav Timakov 1, Dimitry Kholod 1, Adel Latypov 2, Roman Shepelev, Sergey Lisunov 1 (k), Stepan Andryukov 1, Egor Rastourguev. All. V. Karabutov
Italia. Stefano Tempesti (k), Stefano Luongo, Tommaso Vergano 1, Pietro Figlioli 1, Francesco Di Fulvio 1, Maurizio Felugo 2, Niccolò Figari, Valentino Gallo 1, Nicholas Presciutti, Deni Fiorentini, Matteo Aicardi 2, Olexandr Sadovyy, Francesco Coppoli. All. A. Campagna
Arbitri: Rak (Cro) e Stravropoulos (Gre)
Delegato: Sharonov (Rus)
Note: parziali 1-1, 2-2, 3-3, 2-2. Usciti per limite di falli Odintsov nel terzo, Zinnatullin e Kholod nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Russia 5/8 e Italia 7/13. Rigori: Lisunov gol, Felugo gol, Andryukov gol, Gallo parato, Ryzhov-Alenichev gol, Di Fulvio gol, Ashaev gol, Figlioli parato. Prima dell’inizio della partita è stato osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime e in onore dei veterani della battaglia di Stalingrado. Spettatori 1000 circa

La partita. Pietro Figlioli è il più pungente degli azzurri. Dopo 1’29” ha la palla del possibile vantaggio ma tira alto. Il gol dell’Italia arriva per mano di Felugo dopo 3’13” in superorità numerica. Anche la Russia sfrutta l’uomo in più e pareggia poco dopo con il capitano Lisunov. Ancora Figlioli e poi Francesco Di Fulvio vanno vicini al nuovo vantaggio. Nel secondo tempo è la Russia a portarsi due volte avanti. Tirano bene i ragazzi di Karabutov ma Stefano Tempesti c’è. Latypov e Kholod per la Russia, Tommaso Vergano e Di Fulvio per l’Italia che dopo due tempi è in media 3/5 con l’uomo in più. La Russia allunga a +2 nel terzo tempo: Timakov e Andryukov per il 6-4. Dalla panchina il CT Campagna chiama timeout e richiama la squadra. Alla ripresa pareggiano Matteo Aicardi e Valentino Gallo. Ultimi quattro gol in superiorità numerica. Gli azzurri si riportano due volte in vantaggio, prima con Aicardi e poi con Figlioli, ma non riescono a chiudere la partita. Latypov a 22″ dalla fine realizza il gol dell’8-8 che porta le squadre ai rigori.

IL CALENDARIO DEL SETTEBELLO

1a giornata
Italia-Russia 13-6
Romania-Ungheria 9-12
2a giornata 
Ungheria-Italia 6-5
Russia-Romania 13-14 ai tiri di rigore
3a giornata
Italia-Romania 11-5
Russia-Ungheria 7-10
4a giornata 02/2/2013
Russia-Italia 12-10 ai tiri di rigore
Ungheria-Romania 9-8

La classifica: Ungheria 12, Italia 7, Russia 3, Romania 2.

27/03/2013 Italia-Ungheria a Bari
30/03/2013 Romania-Italia
11-16/06/2013 Superfinal in Russia con sede da definire

MONTEPREMI (345.000 dollari)
1. posto 100.000
2. posto 70.000
3. posto 50.000
4. posto 35.000
5. posto 30.000
6. posto 25.000
7. posto 20.000
8. posto 15.000
squadre eliminate 15.000 dollari

SISTEMA DI PUNTEGGIO: 3 vittoria, 2 vittoria ai rigori, 1 sconfitta ai rigori, 0 forfeit

FORMULA DI GIOCO: Le partite non possono terminare in parità. Nel caso di pareggio alla fine dei tempi regolamentati (quattro parziali da 8′ effettivi), saranno tirati i rigori (cinque ciascuna squadra, eventualmente ad oltranza).

ALBO D’ORO E PIAZZAMENTI DELL’ITALIA

2002 Patrasso
1. Russia, 2. Spagna, 3. Ungheria
Italia eliminata nel girone di qualificazione
2003 New York
1. Ungheria, 2. Italia, 3. USA
2004 Long Beach
1. Ungheria, 2. Serbia&Montenegro, 3. Grecia
Italia quarta, battuta in finale per il 3° posto dalla Grecia per 12-9
2005 Belgrado
1. Serbia&Montenegro, 2. Ungheria, 3. Germania
Italia eliminata nei gironi di semifinale
2006 Atene
1. Serbia&Montenegro, 2. Spagna, 3. Grecia
Italia eliminata nei gironi di qualificazione
2007 Berlino
1. Serbia, 2. Ungheria, 3. Australia
Italia eliminata nei gironi di qualificazione
2008 Genova
1. Serbia, 2. USA, 3. Australia
Italia settima, battuta la Grecia nella finale 7°-8° posto per 11-7
2009 Podgorica
1. Montenegro, 2. Croazia, 3. Serbia
Italia quinta, battuta l’Australia nella finale 5°-6° posto per 11-10
2010 Nis
1. Serbia, 2. Montenegro, 3. Croazia
Italia eliminata nei gironi di qualificazione
2011 Firenze
1. Serbia, 2. Italia, 3. Croazia
2012 Almaty
1. Croazia, 2. Spagna, 3. Italia

1042

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...